Architettura del Settecento in Piemonte

Le Strutture Aperte di Juvarra Alfieri e Vittone

Vol.1,for.21×30,pag.424,ill.427,b/n.399,col.28,lin.Ita

rilegatura rigida

con elegante cofanetto

Descrizione

Nell’eterogeneità degli stili che caratterizza il periodo dal 1650 al 1750, il cosiddetto tardo Barocco, è possibile rintracciare un elemento comune nel rivoluzionario senso di apertura degli edifici, in nessun altro luogo così vigoroso e originale come in Piemonte. L’architettura aperta prende infatti avvio a Torino e dintorni con Guarino Guarini, per diventare poi un orientamento coerente, nel Settecento, con Filippo Juvarra e i suoi successori: Benedetto Alfieri e Bernardo Vittone. È proprio quest’ultimo a fornire la più esauriente definizione di questo nuovo modo di concepire le strutture architettoniche, in cui l’apertura lascia «all’occhio la libertà di potersi a suo piacere per essa distendere, e pienamente in tal modo de’ vari aspetti di lei godere».
Il volume, corredato di un ricco apparato iconografico e documentario, offre uno studio approfondito in particolare su Juvarra e i suoi principali progetti (dalla Venaria Reale a Stupinigi, alle numerose chiese ed edifici) e un’acuta lettura dei suoi famosi album di dipinti conservati nei più importanti archivi italiani e stranieri.

Informazioni aggiuntive

Peso 3.0 kg
Editore

ALLEMANDI

Anno

2016

Autore

Richard Pommer, Giuseppe Dardanello

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Architettura del Settecento in Piemonte”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *