Giotto e le Croci Dipinte del Trecento

 225,00  199,00

Vol.1,for.21×28,pag.632,ill.610,b/n.514,col.96,lin.Ted

rilegatura cartonato

Disponibile su ordinazione

Descrizione

I pannelli trasversali dipinti di grande formato ( croci dipinte ) sono considerati una delle più importanti invenzioni pittoriche del Medioevo italiano. Come elementi centrali degli arredi, hanno modellato gli interni di numerose chiese, in particolare nelle regioni centrali e nord-orientali d’Italia. L’inventario superstite mostra che il XIV secolo era in realtà il periodo di massimo splendore delle croci da tavolo, che non era ancora riconosciuto come tale. Per la prima volta, il presente studio cattura e analizza le croci del XIV secolo sulla base di un’ampia documentazione anche pittorica delle numerose opere conservate.All’inizio c’è la famosa croce da tavola di Giotto per Santa Maria Novella a Firenze, con la quale è stato avviato un cambiamento nella rappresentazione pittorica del crocifisso nella pittura italiana sia dal punto di vista concettuale che estetico. Nella nuova concezione di Giotto e nelle opere successive con la loro enfatica fisicità, l’autenticità è stata trasmessa attraverso l’illustrazione che simula la realtà del corpo di Cristo e resa accessibile come esperienza visiva. La necessità di una vivida rappresentazione della sofferenza di Cristo era sempre più formativa, il che poteva incoraggiare la contemplazione affettiva. La questione del cambiamento nei concetti di immagine del crocifisso e del loro effetto e ricezione da parte dei clienti, Gli artisti e i loro effetti sullo spettatore contemporaneo non sono quindi solo rilevanti per il genere stesso, ma toccano anche il problema degli inizi e della diffusione dell’arte di Giotto e quindi della prima pittura italiana nel suo insieme. Come per le croci da tavolo dell’epoca precedente a Giotto, che sono anche qui al centro dell’attenzione, lo sviluppo nel 14 ° secolo è un processo complesso in cui erano disponibili varie opzioni di design per gli artisti e i clienti.L’esame della tabella si incrocia da angolazioni più diverse e mira a scoprire i compiti culturali specifici delle immagini e a seguirli nel processo dinamico delle loro varie modifiche. L’intero spettro delle croci da tavola italiane è quindi comprensibile non solo attraverso il catalogo dettagliato con oltre 290 voci di catalogo, ma anche attraverso l’accesso metodico in tutta la sua ampiezza.

Informazioni aggiuntive

Peso 3.0 kg
Editore

RHEMA VERLAG

Anno

2013

Autore

Marcello Gaeta

Spedizione/Shiping

in 15 Giorni/Days

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Giotto e le Croci Dipinte del Trecento”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *