Ceramiche Italiane d’Arte Tra Liberty e Informale

Vol.1,for.23×23,pag.168,ill.265,b/n.146,col.123,lin.Ita

rilegatura in brossura

Descrizione

Il volume offre ai lettori un inconsueto viaggio nel Novecento, osservato da un punto di vista nuovo e originale, ovvero attraverso la ceramica d’arte prodotta da designer, artisti e manifatture italiane tra gli ultimi anni dell’Ottocento e gli anni Cinquanta del Novecento.
Dalle sinuose forme Art Nouveau proposte da Galileo Chini e dalla manifattura della Ceramica Italiana di Laveno si passa alle invenzioni informali di Antonia CampiCarlo Zauli e Lucio Fontana, senza dimenticare il gusto piccolo borghese della manifattura torinese Lenci.
Fra le opere, tutte provenienti da un’importante collezione privata, vi sono sia pezzi unici, vere e proprie sculture e invenzioni decorative di una tale raffinatezza da configurarsi come capolavori dell’arte italiana novecentesca, sia pezzi seriali ossia oggetti domestici e ornamentali prodotti industrialmente, ma sulla base di un progetto artistico ben riconoscibile.
Elemento unificante tra le diverse opzioni stilistiche che queste ceramiche esibiscono è la ricerca di una linea moderna del design italiano che, come una forza inarrestabile, attraversa le arti decorative della penisola tra gli esordi degli anni venti e i primissimi anni cinquanta.
Il volume è completato da un glossario, dalle biografie degli artisti e da apparati bibliografici.

Informazioni aggiuntive

Peso 2.5 kg
Editore

SILAVANA EDITORIALE

Anno

2014

Autore

Valerio Terraroli Stefania Cretella

catalogo d'Esposizione

Svizzera:Rancate (Svizzera) Pinacoteca Züst aprile – agosto 2014

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ceramiche Italiane d’Arte Tra Liberty e Informale”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *