Cluny e le Origini della Scultura Romanica in Borgogna in Francia

 90,00  80,00

L’architettura la Scultura e la Narrativa del Maestro di Avenas

Vol.1,for.21×28,pag.124,ill.122,b/n.6.col.lin.Ing

rilegatura cartonato

Disponibile su ordinazione

Descrizione

Il ruolo dei singoli scultori nella creazione delle capitali ambulatoriali nella più grande basilica della cristianità a Cluny rimane un mistero. La questione irrisolta della creatività individuale lascia aperte tre importanti domande su questa potente abbazia che controllava centinaia di monasteri in tutta Europa nell’XI secolo: qual era il contesto artistico specifico – l’origine, la formazione e il percorso di carriera dei maggiori scultori che lavoravano alla madre chiesa all’inizio della costruzione? Qual era il rapporto, nel tempo e nell’influenza, tra le capitali ambulatoriali focali e sculture simili in numerosi siti locali? E quale ruolo hanno avuto gli artisti nel determinare la forma e il significato delle sculture di Cluny e dei monumenti correlati?
Questo libro ripercorre la carriera di uno scultore che lavorò nelle prime capitali della chiesa abbaziale di Cluny. Documenta le sue preferenze artistiche in precedenti progetti borgognoni, raccogliendo una varietà di prove intese da un lato precise, complesse e sottili, e dall’altro in modo convincente ripetitivo. Ha trattato gesti, posa, anatomia, tendaggi, fogliame, architettura, sfondo e spazio non solo in modo coerente ma anche in modo complementare. In parole povere, ha offuscato la tradizionale distinzione tra scultura e architettura, mostrando una combinazione ricca e unica di preferenze artistiche anche mentre ha lavorato con diversi tipi di mecenati su vari argomenti in numerosi e diversi monumenti. Questi risultati sono supportati da fotografie ad alta risoluzione scattate per distinguere gli angoli da scale e impalcature alte.
Questa versione del processo creativo nella chiesa madre, in cui i fratelli Cluniac hanno scelto un talento locale per svolgere una delle più importanti commissioni scultoree in Europa, differisce nettamente da quella standard basata in gran parte su presunte ma non prioritarie priorità artistiche dei monaci . La teoria prevalente presuppone che i monaci avessero una prospettiva internazionale quando arrivarono all’arte mentre cercavano di stabilire a Cluny una “nuova Roma” come fulcro del loro impero monastico. Invece di toccare uno scultore esperto che lavorava nella tradizione indigena della muratura, avrebbero guardato verso terre straniere per trovare artisti adatti che basassero i loro disegni su forme d’arte “alte” come l’avorio, la pittura e la lavorazione dei metalli

Informazioni aggiuntive

Peso 2.0 kg
Editore

L'ERMA DI BRETSCHNEIDER

Anno

2019

Autore

Armi C. Edson

Spedizione/Shipping

in 10 Giorni/Days

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Cluny e le Origini della Scultura Romanica in Borgogna in Francia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *