La Collezione Pittas Volume Primo

I Primi Dipinti Italiani 1200-1530 

Vol.1,for.24×29,pag.240,ill.167,b/n.91,col.76,lin:Ing

rilegatura

Descrizione

Il volume presenta una selezione di 54 opere della Collezione Pittas, offrendo un intenso panorama dell’arte italiana tra il Duecento e gli anni trenta del Cinquecento. Si tratta del primo studio approfondito dedicato a questa collezione privata, della quale non esiste ancora un catalogo.
Se alcuni dipinti sono noti alla letteratura artistica, altri sono inediti o poco noti al di fuori della ristretta cerchia degli specialisti. Nella collezione sono rappresentate in particolare la scuola senese e quella fiorentina, con il raro Maestro di Tressa e preziose tavole di Bernardo Daddi, Taddeo e Agnolo Gaddi, Ugolino di Nerio, per citare solo alcuni nomi. Non mancheranno di attirare l’attenzione opere di scuola veneta, marchigiana e umbra, con i soggetti sacri dipinti per esempio dal Maestro della Cappella Dotto, da Iacobello del Fiore, dal Maestro di Fossa.
Introdotto da una prefazione di Everett Fahy e da un saggio dell’autore, il volume si compone di schede critiche corredate da immagini a colori delle opere e bibliografia completa.

Informazioni aggiuntive

Peso 2.5 kg
Editore

MANDRAGORA

Anno

2011

Autore

Stefano G. Casu

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La Collezione Pittas Volume Primo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *