In offerta!

Il Ferro Battuto in Europa nel XX Secolo

 324,00

Vol.1,for.24×28,pag.672,ill.1103,b/n.303,col.800,lin.Fra

rilegatura rigida

Disponibile su ordinazione

Descrizione

La ghisa regnava dappertutto nel XIX ° secolo, ma, dovuto in gran parte al Ferronnier francese Emile Robert e ai 1900, 1925, 1931 e 1937 esposizioni internazionali a Parigi, in ferro battuto ha sperimentato una rinascita molto importante nella prima metà del XX esimo secolo. Le principali opere che utilizzano questo mezzo sono ancora visibili a Parigi, Bordeaux, Lione, Reims e Nancy, ma la maggior parte dei loro autori è ormai dimenticata.

Questo libro ripercorre le carriere di una trentina di questi artisti. Molti di loro hanno continuato con i metodi tradizionali sviluppati negli XII th e XIII esimo secolo, mentre alcuni sostenuto la nuova e più facile oxyacetylene torcia, conosciuta anche come la pistola di saldatura autogena. Con l’aiuto di circa mille immagini, il libro presenta il loro ferro battuto architettonico per banche, grandi magazzini, transatlantici, uffici postali, chiese e condomini o case a schiera. Una superba ringhiera per scale con un motivo a iride di Emile Robert sul boulevard de Courcelles riecheggia le ringhiere del vestibolo del Théâtre des Champs-Élysées di Baguès. Gli hotel Lalique balconi di Nics frères sul cours Albert I erricorda uno dei laboratori di Edgar Brandt e la residenza di città sul viale Murat. L’orologio monumentale di Adalbert Szabo sulla facciata del quotidiano Le Temps annuncia i lampioni stradali telescopici di Raymond Subes ai quattro angoli del ponte Carrousel. Il libro presenta anche il loro lavoro più delicato su mobili, luminari di tutte le dimensioni e forme, orologi, vasi, gioielli e persino oggetti per uso quotidiano, come bollitori o versatori di vino.

Ma il ferro battuto ha avuto anche uno sviluppo importante in Europa. Alcuni artisti sono venuti a studiare e lavorare con i loro colleghi a Parigi. Altre opere presentate in mostre internazionali e vinto premi. Alcuni architetti hanno progettato gli elementi in ferro battuto delle loro costruzioni. Il libro presenta in minor dettaglio le sculture in metallo di Franz Haguenauer a Vienna, i mobili e gli oggetti di Gustave Serrurier-Bovy con molto ferro battuto in Belgio e le porte di Eric Ehrström per gli edifici di Gesellius, Lindgren e Saarinen a Helsinki. Josep e Luis Badia i lavori di Miarnau per Antoni Gaudí a Barcellona, ​​Alessandro Mazzucotelli a Milano e Giuseppe Michelucci a Firenze, Jan Eisenloeffel nei Paesi Bassi, Julia Keilowa a Varsavia, Gyula Jungfer a Budapest sono altri esempi. Così come i progetti degli architetti Jan Kotěra e Josef Gočár a Praga,

Informazioni aggiuntive

Peso 3.0 kg
Editore

MONELLE HAYOT

Anno

2017

Autore

Karin Blanc

Ordine/Order

in 15 Giorni/15 Days

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il Ferro Battuto in Europa nel XX Secolo”