In offerta!

Milleduecento Civiltà Figurativa tra Umbria e Marche al Tramonto del Romanico

 30,00  27,00

Vol.1,for.23×28,pag.192,ill.100,b/n.30,col.70,lin.Ita

rilegatura in brossura

Disponibile

Descrizione

L’imponente bellezza del Cristo di Sant’Eutizio del Museo Piersanti di Matelica affascinò tutti i più grandi studiosi dell’arte romanica attivi nel Novecento: Lionello Venturi, Pietro Toesca, ma anche Gesa De Francovich ed Enzo Carli.
È la scultura lignea più importante delle Marche appenniniche e dimostra la ricchezza culturale dell’area montana del Centro Italia già dal XII secolo.
È l’inizio e il punto più alto della linea diversa dello “stile 1200”: un mondo che non è più romanico ma non è ancora gotico, e che riscopre il classicismo e ama le superfici che vibrano in senso plastico ed elegante.
Si schiude così uno dei secoli più straordinari dell’arte europea. Le Marche e l’Appennino ne sono partecipi e ne declinano i principi in maniera identitaria e spesso bellissima.

Informazioni aggiuntive

Peso 1.5 kg
Editore

SILVANA

Anno

2018

Autore

Fulvio Cervini

Catalogo d'Esposizione

Italia:Matelica (MC), Museo Piersanti, giugno – novembre 2018

Ordine/Order

in 7 Giorni/in 7 Days

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Milleduecento Civiltà Figurativa tra Umbria e Marche al Tramonto del Romanico”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *