Sassoferrato dal Louvre a San Pietro

 26,00  23,00

La Collezione Riunita

Vol.1,for.18×22,pag.344.ill.167,b/n.67,col.100,lin.Ita

rilegatura cartonato

Disponibile

Descrizione

Giovan Battista Salvi detto il Sassoferrato, «un quattrocentista smarrito nel Seicento» secondo la definizione di Adolfo Venturi, è il protagonista di una grande esposizione nel Complesso monumentale di San Pietro in Perugia (8 aprile-1 ottobre 2017, a cura di Cristina Galassi e Vittorio Sgarbi). Dopo duecento anni viene finalmente riunita la sequenza di diciassette opere realizzate per l’abbazia, grazie al prestito della stupefacente Immacolata concezione del Louvre, requisita nel 1812 da Dominique-Vivant Denon, «occhio di Napoleone» e primo direttore del museo parigino. Un’occasione storica e irripetibile per approfondire la figura del Salvi, erede di Raffaello e Perugino in dialogo con le istanze barocche e naturalistiche del suo tempo. Documenti inediti e fonti d’archivio forniscono nuovi dettagli sulla vita dell’artista e sull’ambito delle sue committenze, mentre capolavori provenienti da musei e collezioni private entrano in un serrato e spettacolare confronto con i Tesori della Galleria d’Arte di San Pietro, fra cui opere dello stesso Pietro Vannucci e dello Spadarino.

Informazioni aggiuntive

Peso 2.0 kg
Editore

AGUAPLANO

Anno

2017

Autore

Cristina Galassi

Biografia dell'Artista

Pittore Italiano Giovanni Battista Salvi detto Sassoferrato

Nato/Born:Italia Sassoferrato (AN) 1609

Morto/Dead:Italia Roma 1685

Spedizione/Shiping

spedizione immediata

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Sassoferrato dal Louvre a San Pietro”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *