Ceramica dal Basso Medioevo al Rinascimento in Italia

 26,00  23,00

Ceramica Italiana Nordorientale e nella Aree Transalpine

Il volume raccoglie i contributi di una ventina di studiosi provenienti dall’area padano-veneta e dai territori transalpini di lingua tedesca e slovena e consente di valutare i vari problemi connessi con la produzione e la circolazione ceramica alla luce dei risultati acquisiti dalle più recenti indagini archeologiche soprattutto in area slovena.

Vol.1,for.21×23,pag,244,ill.109,b/n.80,col.29,lin.Ita

rilegatura in brossura

Disponibile su ordinazione

Descrizione

La ceramica nel Medioevo nell’Italia nord-orientale. Le conoscenze e le prospettive di ricerca. Problemi generali dell’Italia nordorientale e nuovi dati archeologici sul Friuli: Gabriele Caiazza, Maioliche arcaiche e altre tipologie ceramiche rivestite dalla scavo di un butto medievale ed individuazione di una fornace ad Aquileia; Michelangelo Munarini, Spigolature ceramiche tra Po ed Isonzo; Alessandra Negri, La ceramica grezza con marchio a rilievo sul fondo nel Friuli bassomedievale; Angela Borzacconi – Roberta Costantini, La produzione di ceramica graffita in Friuli; Chiara Braida, Osservazioni sull’iconografia e sul costume della figura umana nella produzione padana orientale del XV – XVI secolo; Vinicio Tomadin, Brevi note sulle ceramiche rinvenute nei castelli friulani; Cristina Tommasini, Il ritrovamento di Vicolo delle Mura a Pordenone: il problema degli scarti di fornace e il loro riutilizzo. Il Caso di Udine: Maurizio Buora – Aleardo Leonarduzzi, Recenti rinvenimenti di maiolica arcaica e altro materiale trecentesco a Udine nella Casa della Confraternita in Castello; Gianna Malisani – Paolo Casadio, Primi dati sul ritrovamento delle piastrelle rinascimentali dallo scavo di palazzo Ottelio (“Conservatorio Tomadini”) a Udine; Gian Andrea Cescutti, La fornace di via Brenari; Claudia Galanti, Uno spoglio documentario: figuli e boccalari nella parrocchia di S. Quirino a Udine fra XVI e XVII secolo. Le ricerche sul medioevo in Slovenia: La Ceramica “italiana”: Mitja Guštin, Le ricerche archeologiche sul Medioevo e sull’età moderna in Slovenia; Peter Štih, Lineamenti dello sviluppo statale, della politica e della chiesa sul territorio sloveno dal secolo X fino alla fine del secolo XV; Radovan Cunja, Ceramica tardomedievale e rinascimentale a Koper-Capodistria; Beatrice Žbona Trkman, I siti castellani nel territorio isontino sloveno e sui margini del Carso settentrionale: la ricerca archeologica; Tine Schein, Il castello di Predjama (Lueg) presso Postojna (Postumia); Martin Hovart, I risultati delle ricerche archeologiche nel territorio di Ljubljana; Mateja Kos, Ceramiche tardomedievali e rinascimentali italiane e imitazioni da botteghe slovene presso il Narodni muzej Slovenije di Ljubljana; Barbara Ravnik Toman, Gli scavi archeologici a Pusti grad – Waldenberg sopra Zgornja Lipnica; Katarina Katja Predovnik, La maiolica arcaica di Stari grad (Podbocje): un caso particolare; Aleš Stopar, Gli scavi archeologici a Stari grad sopra Celje negli anni 1972-1974; Danijela Brišnik, Il castello di Salek presso Velnje; Marija Lubšina, Gli scavi archeologici nel convento dei Cappuccini di Ptuj; La Ceramica “Italiana” in Carinzia e Baviera: Liutgard Löw, Ceramica d’importazione dell’Italia settentrionale in Carinzia; Liutgard Löw, Un piatto del Rinascimento da Kempten (Allgäu – Bayern). Tavole a colori fuori testo. Note di restauro: Geremia Nonini, Note di restauro di un grande catino – coperchio del XV secolo; Jana Šubic Prislan, Il restauro della ceramica rinascimentale al Goriški muzej. Indice dei nomi e delle località.

Informazioni aggiuntive

Peso 2.0 kg
Editore

QUASAR

Anno

1998

Autore

Autori Vari

Ordine/Order

in 7 Giorni/Days

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ceramica dal Basso Medioevo al Rinascimento in Italia”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *